Arcomagno in camper

Che cosa è l’Arcomagno?

L’Arcomagno è una splendida e imponente arcata, aperta tra rocce costiere, che racchiudono una piccola spiaggia e una deliziosa baia a mezzaluna. Un luogo meraviglioso da tutelare e da fruire responsabilmente.

Dove si trova l’Arcomagno?

L’Arcomagno si trova in Calabria, nel comune di San Nicola Arcella, al confine con il comune di Praia a Mare, nella Riviera dei Cedri.
Coordinate 39°51’18.1″N 15°47’33.4″E

L’Arcomagno è accessibile tutto l’anno?

No. L’Arcomagno è accessibile solo dal 1 giugno al 31 ottobre. Nei mesi restanti è chiuso al pubblico.

Da dove si accede all’Arcomagno?

Ci sono due ingressi dai quali accedere all’Arcomagno: quello dal lato di Praia a Mare e quello di San Nicola Arcella. Noi abbiamo scelto di entrare da Praia a Mare. Per accedere all’Arcomagno da San Nicola Arcella è necessario percorrere una gradinata costituita da più di 200 gradini di altezza e passo irregolari: molto più faticoso.

Qual è l’orario di ingresso?

Durante il periodo di accessibilità, l’orario di apertura è dalle 8 alle 20 con l’ultimo ingresso consentito alle 19:30.

Qual è il costo del biglietto?

Il costo del biglietto è di 3 Euro (1,5 per minori inferiori ai 12 anni). Il biglietto si può acquistare online (al link https://www.arcomagnocalabria.it/acquista-biglietto-arcomagno/) o direttamente in loco, ad uno dei due ingressi.
Per informazioni aggiornate sugli orari e i prezzi dei biglietti d’ingresso si può consultare il sito https://www.arcomagnocalabria.it/

Qual sono le modalità di visita?

La durata massima della visita è di 30 minuti. La visita non è guidata, è libera, ma controllata. Si può fare il bagno, ma non è consentito nuotare oltre la metà della baia. Tra l’altro è vietato raggiungere la baia dall’esterno a nuoto o con un qualsiasi natante.
Il personale presente in loco fornisce tutte le informazioni sulle regole da rispettare per una visita godibile e responsabile.

Dove pernottare con il camper?

A San Nicola Arcella è pressoché impossibile parcheggiare un camper, soprattutto se di grandi dimensioni.  Quindi la scelta su dove pernottare ricade necessariamente su Praia a Mare.
Qui ci sono varie possibilità, partendo da quella più distante dall’Arcomagno, come indicato dalla mappa sottostante:

  1. Il parcheggio comunale di Via Padula
  2. L’International Camping Village
  3. I parcheggi comunali di Contrada Fiuzzi
  4. L’area sosta camper Nuova Playa

Noi, con un camper autosufficiente, abbiamo optato per il parcheggio comunale di via Padula. I parcheggi di Contrada Fiuzzi sono sconsigliati in quanto molto rumorosi nelle ore notturne, soprattutto durante i weekend.

Mappa dei luoghi dove pernottare (Immagine Google Earth)

È possibile parcheggiare più vicino all’Arcomagno?

Anche se si pernotta nel parcheggio comunale di Via Padula, se si desidera avvicinarsi, ci si può spostare durante il giorno in camper e parcheggiare più vicino all’ingresso del sito. C’è una strada, a tratti stretta, ma fattibile, che, partendo da Contrada Fiuzzi, costeggia la ferrovia e termina all’ultimo parcheggio per auto (a pagamento), segnalato su Google Maps come “Parcheggio Grotta Arcomagno”, da dove parte il percorso per l’Arcomagno. Abbiamo chiesto al parcheggiatore se si poteva eventualmente lasciare il camper per un paio d’ore, in uno spiazzo a fianco dell’area per le auto, la risposta è stata affermativa (il prezzo è di 5 Euro).
Il primo tratto di questa strada che parte da Contrada Fiuzzi è asfaltato, poi si prosegue per un breve tratto sterrato, quindi si percorre un ultimo tratto ancora asfaltato fino a dove la strada finisce. La strada è fiancheggiata da un lato dalla ferrovia e dall’altro da una sequenza continua di lidi, con relativi parcheggi. Alcuni di questi parcheggi sono limitati in altezza alle auto. In altri si può eventualmente chiedere se è possibile lasciare il camper per qualche ora. Volendo si può parcheggiare in uno slargo lungo la strada nei pressi dello sterrato. In alternativa si può lasciare il camper in uno dei parcheggi di Contrada Fiuzzi (3 Euro) e raggiungere a piedi l’Arcomagno, riducendo comunque il tratto da percorrere a piedi.

Quanto si impiega a visitare l’Arcomagno partendo a piedi dal parcheggio di Via Padula?

In tre ore si arriva a piedi all’Arcomagno, lo si visita comodamente, e si ritorna al parcheggio di via Padula. Per avere un’idea delle distanze da percorrere, il parcheggio segnalato su Google Maps come “Parcheggio Grotta Arcomagno” dista circa 3 chilometri dal parcheggio comunale di via Padula. Se si vuole evitare di percorrere tutti e tre i chilometri, si può tentare di parcheggiare il camper più vicino all’ingresso dell’Arcomagno, in uno dei parcheggi che abbiamo segnalato sopra.

Come si raggiunge l’Arcomagno?

Arrivati a piedi, o in camper, o con qualsiasi altro mezzo, al “Parcheggio Grotta Arcomagno” (figura 1), per raggiungere l’Arcomagno è necessario percorrere a piedi il cosiddetto sentiero dell’arco di Enea, i cui punti salienti sono mostrati nella mappa di figura 2. Si sale lungo uno scala metallica (figura 3) e si giunge in cima al promontorio che separa la grande spiaggia a sud della Torre di Fiuzzi dalla spiaggia della Grotta del Prete, raggiungibile solo a piedi. Qui si ha una ottima vista sulla spiaggia a sud della Torre di Fiuzzi (figura 4). Quindi si percorre un tratto piano in cima al promontorio (figura 5) per poi discendere con un’altra scala (figura 6) fino a questa deliziosa spiaggia isolata, in parte attrezzata in alta stagione (figura 7). Si prosegue, attraversandola tutta, fino al lato roccioso opposto dove si trova la biglietteria d’ingresso all’Arcomagno (figura 8). Acquistato il biglietto (da conservare scrupolosamente poiché sarà richiesto di mostrarlo una volta arrivati alla baia), si percorre un breve tratto su roccia, impegnativo ma fattibile, con un po’ di attenzione e delle buone calzature (figura 9). Da qui, volgendo lo sguardo a destra, si può ammirare l’arco di Enea, una meravigliosa anticipazione dell’Arcomagno (figura 10). Percorso il tratto roccioso si entra in un tunnel lungo una ventina di metri (figura 11), che porta in un’altra piccola baia (figura 12), da dove inizia la gradinata per l’Arcomagno (figura 13). Si sale fino ad arrivare ad una biforcazione, proseguendo a sinistra si può scendere fino alla baia (figura 14) per ammirare dal basso sia la grotta (figura 15), sia la splendida arcata dell’Arcomagno (figura 16), ed eventualmente fare il bagno. Se si prosegue a destra si passa sopra l’arco e si può ammmirare il magnifico panorama che si apre sul mare (figura 17) con U’ Scuogl d’u Scurzune (scoglio dello Scorzone) in primo piano, l’isola Dino appena dietro e la grande statua del Cristo di Maratea e le propaggini del Cilento sullo sfondo. Si può proseguire oltre fino a vedere dall’alto la spiaggia di San Nicola Arcella (figura 18) per poi tornare indietro riattraversando il sentiero sopra l’arco.

Figura 1 – Il parcheggio Grotta Arcomagno (↑)

Figura 2 – Mappa del sentiero dell’Arco di Enea (immagine Google Earth) (↑)

Figura 3 – Scala di salita al promontorio (↑)

Figura 4 – Veduta dalla scala della spiaggia a sud della Torre di Fiuzzi (↑)

Figura 5 – Sentiero piano sopra il promontorio (↑)

Figura 6  – Scala di discesa alla spiaggia della Grotta del Prete (↑)

Figura 7 – Veduta della spiaggia della Grotta del Prete (↑)

Figura 8 – Biglietteria dell’Arcomagno (↑)

Figura 9 – Tratto roccioso iniziale (↑)

Figura 10 – L’arco di Enea (↑)

Figura 11 – Il tunnel (↑)

Figura 12 – La piccola baia all’uscita dal tunnel (↑)

Figura 13 – La gradinata per l’Arcomagno con la biforcazione dei sentieri (↑)

Figura 14 – Il sentiero che scende alla baia dell’Arcomagno (↑)

Figura 15 – La grotta dell’Arcomagno (↑)

Figura 16 – L’Arcomagno (↑)

Figura 17 – Il panorama sul mare (↑)

Figura 18 – Veduta della spiaggia di San Nicola Arcella (↑)

Qual è il periodo migliore per visitare l’Arcomagno?

Gli addetti alla sorveglianza consigliano di visitarlo a giugno, oppure a settembre o ottobre, quando è meno affollato, evitando se possibile luglio e agosto, i mesi di punta. Noi lo abbiamo visitato a giugno.

Qual è l’orario migliore per visitare l’Arcomagno?

Per nostra esperienza, se si arriva la mattina presto il posto è meno affollato. Noi siamo arrivati intorno alle 9 e c’erano, in totale, non più di dieci persone. A quell’ora, per fotografarlo l’illuminazione è buona, ma non ottimale: ci sono alcune zone all’ombra ed altre al sole, il contrasto è molto forte. In tarda mattinata l’illuminazione dovrebbe migliorare, in quanto tutta la roccia intorno all’arco dovrebbe essere al sole. Di contro, è facile che il sito sia più affollato. Nel pomeriggio il sole si sposta verso ovest e, molto probabilmente, si va incontro ad un fastidioso controluce.

Perché l’ingresso da San Nicola Arcella non è consigliabile per camperisti?

Se si è in camper, a San Nicola Arcella non ci sono parcheggi idonei, soprattutto per camper di grandi dimensioni. Tantomeno se si desidera pernottare in camper. Inoltre la spiaggia di San Nicola è sì più vicina all’Arcomagno, ma per accedere al sito è necessario percorrere una scalinata di più di 200 gradini che hanno un passo e un’altezza irregolari. Quindi, anche se il percorso è più corto, è molto più faticoso l’accesso all’Arcomagno da San Nicola Arcella rispetto a quello da Praia a Mare.

.Calabria. Dove abbiamo pernottato

.Calabria. Dove abbiamo pernottato

Praia a Mare. Parcheggio sul lungomare Colonnello Francesco Sirimarco Praia a Mare. Parcheggio comunale Via Vincenzo Padula Sila. Spiazzo sul lago Arvo presso Lorica Tropea. Parcheggio comunale Via BaeumerPraia a Mare. Parcheggio gratuito sul lungomare Colonnello...

Praia a Mare (Calabria)

Praia a Mare (Calabria)

Sosta ideale per ammirare l'ArcomagnoPraia a Mare è una bella cittadina di mare al confine con la Basilicata, di fronte all'isola Dino. Possiede chilometri di lungomare, belle spiagge, un centro carino e, soprattutto, è il posto dove pernottare per visitare...

Reggio Calabria (Calabria)

Reggio Calabria (Calabria)

La città dei Bronzi di Riace (ma non solo)Lo ammettiamo avevamo dei pregiudizi su Reggio Calabria e pensavamo di limitare la nostra visita esclusivamente alla visione dei Bronzi di Riace. Ci siamo dovuti ricredere. Abbiamo scoperto una bella e piacevole città di mare,...

Sila in camper

Sila in camper

Il Grande Bosco d'ItaliaNel risalire la Calabria dalla Sicilia, abbiamo fatto una breve escursione sulla Sila, tanto per avere una prima idea del Parco, mai visitato prima. Abbiamo trovato una vegetazione spettacolare e degli splendidi paesaggi. La Sila merita...

Tropea (Calabria)

Tropea (Calabria)

La perla della CalabriaAl centro della costa degli Dei, Tropea è una delle mete imperdibili della Calabria, sia per le bellissime acque, sia per il centro storico, ancora ben conservato, posto su una rupe a strapiombo sul mare.TROPEA IN MOTORHOMEDove pernottare o...