Reggio Calabria (Calabria)

La città dei Bronzi di Riace (ma non solo)

Lo ammettiamo avevamo dei pregiudizi su Reggio Calabria e pensavamo di limitare la nostra visita esclusivamente alla visione dei Bronzi di Riace. Ci siamo dovuti ricredere. Abbiamo scoperto una bella e piacevole città di mare, con un magnifico lungomare e un vivace e ben tenuto corso principale pedonalizzato.

REGGIO CALABRIA IN MOTORHOME

Mappa di Reggio Calabria (immagine Google Earth)

Dove pernottare o parcheggiare

Purtroppo a Reggio Calabria e nelle vicinanze non ci sono aree sosta camper o campeggi dai quali è facile raggiungere il capoluogo con i mezzi pubblici. Per visitare Reggio Calabria ed, eventualmente, pernottare, ci sono due soluzioni possibili:

  • lasciare il camper in un parcheggio in città
  • lasciare il camper nell’area sosta camper Parking Via Bonino di Messina, e venire a Reggio Calabria in aliscafo.

Noi abbiamo optato per la seconda, visto che eravamo già in Sicilia. Più sotto descriviamo come arrivare a Reggio Calabria dall’area di sosta messinese.
In merito alla prima, a Reggio ci sono 2 parcheggi, relativamente vicini al Museo Archeologico Nazionale:

Entrambi sono principalmente dedicati alle autovetture. Non lo abbiamo verificato personalmente, ma in entrambi, oltre al parcheggio dei camper, dovrebbe essere consentito anche il pernottamento.
Quando siamo passati noi, nel primo pomeriggio di un martedì, il primo era pressoché pieno di autovetture, il secondo era pressoché vuoto.
Nel primo, anche se si trova posto, potrebbero esserci problemi di altezza per camper molto alti, dovuti al posizionamento obliquo dei pannelli solari. Per non correre rischi sarebbe meglio cercare di parcheggiare nei posti laterali fuori dall’area ricoperta dai pannelli solari.
Nel secondo, se molto affollato, potrebbero esserci problemi di manovra, se si arriva fino in fondo.

A nostro parere, se si visita Reggio Calabria in giornata, senza pernottare, si può valutare di lasciare il camper in uno dei due parcheggi, durante la visita, e poi andare a pernottare altrove. Se invece si desidera trovare una soluzione che contempli anche il pernottamento, meglio lasciare il camper nel Parking di Via Bonino a Messina (sicuro e tranquillo) e andare a Reggio Calabria in aliscafo.

Il parcheggio del porto di Reggio Calabria

Come arrivare

Se si arriva in camper dall’autostrada Mediterranea e si vuole raggiungere uno dei due parcheggi menzionati sopra, basta seguire le indicazioni di Google Maps. Sono corrette.

Se si è parcheggiato il camper nel Parking Via Bonino a Messina, si prende il tram al capolinea Zir Bonino, 200 metri a sud dell’area di sosta. I biglietti si acquistano al capolinea (il giornaliero costa 4 Euro). Il tram parte ogni 17 minuti. Si scende alla fermata Repubblica (nel piazzale della stazione ferroviaria). Si percorre a piedi il tratto di strada tra la fermata del tram e l’attracco degli aliscafi Libery Lines di Messina (circa 350 metri). Si acquista il biglietto per Reggio Calabria, si sale sull’aliscafo e si attraversa lo stretto di Messina. La traversata dura circa 30 minuti. Il prezzo del biglietto di sola andata 4 Euro. Gli orari di andata e ritorno sono scaricabili dal sito Libery Lines. Una volta giunti a Reggio Calabria, si raggiunge il Museo Archeologico Nazionale a piedi. La distanza dall’attracco dell’aliscafo è di circa 800 metri. Per tornare si segue il percorso inverso. Nell’immagine che segue, gli orari ed il percorso del tram.

Orari e percorso del tram

Come muoversi

Parcheggiato il camper in uno dei due parcheggi indicati o arrivati in aliscafo, Reggio Calabria si visita comodamente e piacevolmente a piedi.

Cosa abbiamo visto e fatto

Arrivati in aliscafo siamo andati subito a visitare il Museo Archelogico Nazionale, in quanto la nostra priorità era di vedere i Bronzi di Riace. Poi abbiamo fatto un giro per il centro storico e il lungomare. Abbiamo percorso corso Garibaldi, il corso centrale pedonalizzato, fino al Palazzo del Governo, poi siamo scesi sul magnifico lungomare Italo Falcomatà e siamo tornati lentamente all’attracco dell’aliscafo per Messina.

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE

Apertura: da martedì a domenica (lunedì chiuso)
Orari: dalle 09:00 alle 20:00. Ultimo ingresso alle 19:30
Costo del biglietto d’ingresso: intero 8 Euro

Per ulteriori informazioni ed aggiornamenti sugli orari e i costi dell’ingresso si può consultare il sito ufficiale del museo https://www.museoarcheologicoreggiocalabria.it/.

La visita inizia al secondo piano, dove c’è la sezione dedicata alla preistoria e protostoria (livello A). Da qui si scende al primo piano dove c’è la sezione relativa alle città e ai santuari della Magna Grecia (livello B). Scendendo ulteriormente nel mezzanino si trovano i reperti relativi alle necropoli e alla vita quotidiana della Magna Grecia (livello C). La visita, infine, si conclude al piano terra (livello D) dove c’è una sezione dedicata alla Reggio romana e soprattutto dove c’è la sala dei bronzi, nella quale sono esposti i due Bronzi di Riace e le due teste bronzee di Porticello: la Testa del Filosofo e la Testa Basilea.

Riportiamo dal sito ufficiale del museo, a titolo informativo, le modalità di visita alla sala dei bronzi, ricordando che è consentito fotografare, ma non fare riprese video:

L’accesso alla Sala dei Bronzi di Riace è consentito solo a gruppi di massimo 10 persone alla volta ed è soggetto a limitazioni di tempo, secondo il seguente programma:

  • sosta di circa 20 minuti nella sala pre-filtro, durante i quali un video intratterrà il pubblico con aggiornamenti sullo stato della ricerca sui Bronzi di Riace;
  • sosta di circa 3 minuti nella sala filtro;
  • visita ai Bronzi di circa 20 minuti;
  • uscita.

Si possono vedere mille fotografie e documentari sui Bronzi di Riace, ma vederli dal vivo è tutta un’altra cosa. Un’emozione unica. Le vene sulle braccia, le dita dei piedi, i riccioli delle barbe, sono letteralmente stupefacenti, se si pensa che sono state realizzate fondendo del metallo più di due millenni fa. Entrambi i soldati sono magnifici nella loro nudità eroica, nella loro postura imponente, ma soprattutto quello senza un’occhio, quando lo guardiamo, sembra parlarci. Notevoli anche le due teste bronzee di Porticello.

Anche se i Bronzi di Riace ne rappresentano la maggiore attrazione, il museo presenta anche altri reperti interessanti legati alla vita nel territorio calabro ai tempi della Magna Grecia. Insomma una visita da fare almeno una volta nella vita.

Di seguito alcune immagini catturate all’interno del museo

CENTRO STORICO E LUNGOMARE

Uscendo dal Museo Archeologico Nazionale, si può fare una gradevole passeggiata lungo corso Garibaldi, l’arteria centrale pedonalizzata di Reggio Calabria, fiancheggiata dagli eleganti palazzi della prima metà del 900 costruiti (o ricostruiti) dopo il terremoto del 1908 che distrusse Reggio Calabria. Raggiunta la bella piazza della Libertà, circondata dal palazzo del Governo, il palazzo San Giorgio e il palazzo Corrado Alvaro si può deviare sul lungomare Italo Falcomatà, definito, non a torto, come “il chilometro più bello d’Italia”. Prima di verificarlo con in nostri occhi non davamo molto credito a chi lo magnificava così. Poi abbiamo dovuto umilmente ricrederci: è, di fatto, il più bel lungomare che abbiamo mai visto durante i nostri viaggi. A nostro parere, molto più affascinante della famosa Promenade des Anglais di Nizza. Il camminamento di grande respiro, il doppio livello con i lidi e le spiaggette più in basso, il lungo filare di palme, ma soprattutto la sequenza dei giganteschi Ficus Macrophylla dall’altro lato della strada, rendono questo posto spettacolare ed unico. Un vero piacere poter passeggiare in un posto così bello.
Per saperne di più sulla storia di questo meraviglioso lungomare si può consultare il sito https://turismo.reggiocal.it/attivita-allaria-aperta/mare/lungomare-falcomata.

Di seguito alcune immagini di corso Garibaldi, della piazza della Libertà e del Lungomare Falcomatà

.Calabria. Dove abbiamo pernottato

.Calabria. Dove abbiamo pernottato

Praia a Mare. Parcheggio sul lungomare Colonnello Francesco Sirimarco Praia a Mare. Parcheggio comunale Via Vincenzo Padula Sila. Spiazzo sul lago Arvo presso Lorica Tropea. Parcheggio comunale Via BaeumerPraia a Mare. Parcheggio gratuito sul lungomare Colonnello...

Arcomagno in camper

Arcomagno in camper

Tutto quello che è necessario sapereIn internet si trovano tantissime informazioni sulla meravigliosa baia dell'Arcomagno, ma pochissime su come organizzare l'escursione se si è in camper. Qui cerchiamo di integrare le informazioni disponibili in rete con la nostra...

Praia a Mare (Calabria)

Praia a Mare (Calabria)

Sosta ideale per ammirare l'ArcomagnoPraia a Mare è una bella cittadina di mare al confine con la Basilicata, di fronte all'isola Dino. Possiede chilometri di lungomare, belle spiagge, un centro carino e, soprattutto, è il posto dove pernottare per visitare...

Sila in camper

Sila in camper

Il Grande Bosco d'ItaliaNel risalire la Calabria dalla Sicilia, abbiamo fatto una breve escursione sulla Sila, tanto per avere una prima idea del Parco, mai visitato prima. Abbiamo trovato una vegetazione spettacolare e degli splendidi paesaggi. La Sila merita...

Tropea (Calabria)

Tropea (Calabria)

La perla della CalabriaAl centro della costa degli Dei, Tropea è una delle mete imperdibili della Calabria, sia per le bellissime acque, sia per il centro storico, ancora ben conservato, posto su una rupe a strapiombo sul mare.TROPEA IN MOTORHOMEDove pernottare o...